Orologi & Passioni

Smontaggio corona di carica

« Older   Newer »
 
.
  1. stivi111
     
    .

    User deleted



    Ciao
    ho da poco la passione per gli orologi ed in particolare mi piace smontarli (il più possibile) e succcessivamente rimontarli. Dopo aver distrutto qualche orologio, sembra che la mia tenacia dia frutti, in quanto in alcuni casi, qualcuno torna a funzionare. Per fare pratica ho acquistato alcune repliche. Al momento trovo grosse difficoltà nel smontare la ghiera di carica. Mi sapete dire quale è l'atrezzatura da utilizzare e la tecnica corretta.
    Grazie
     
    Top
    .
  2. lorchi
     
    .

    User deleted



    ciao e benventuo...

    per la risposta.... attendi gli esperti..
     
    Top
    .
  3.  
    .
    Avatar

    Orologi & Passioni




    Group
    Administrator
    Posts
    75,671
    Location
    Brescia (Italy)

    Status
    Offline

    Benvenuto sul Forum .. Stivi

    Aspetta il passaggio di uno dei nostri Esperti e vedrai che ti rispondera'...


    image

    Gabriele.A

     
    Top
    .
  4. Luciano
     
    .

    User deleted



    Cosa intendi per "ghiera di carica" ?
    Quale calibro stai sezionando ?
     
    Top
    .
  5. stivi111
     
    .

    User deleted



    Il calibro è il 2804-2 movimento eta; la parte che desidero smontare è la corona di carica (non la ghiera); ho lo stesso problema con un movimento VALIJOUX 7750.
     
    Top
    .
  6.  
    .
    Avatar

    Orologi & Passioni




    Group
    Administrator
    Posts
    75,671
    Location
    Brescia (Italy)

    Status
    Offline

    CITAZIONE (stivi111 @ 13/9/2004, 16:09)
    .. la parte che desidero smontare è la corona di carica (non la ghiera)

    L'avevo intuito ma aspettavo una tua conferma... ti correggo il titolo del topic.. da ghiera a corona...


    image

    Gabriele.A

     
    Top
    .
  7. Luciano
     
    .

    User deleted



    Se vuoi estrarre la corona dal movimento, devi pigiare delicatamente il perno del tiretto e contemporaneamente tirare verso l'esterno la corona.
    Se vuoi togliere la corona dalla tige, devi bloccare la tige con un mandrino e svitare la corona, la corona e' bloccata sulla tige a forza, occasionalmente puoi trovare anche della colla frenafiletti.
     
    Top
    .
  8. stivi111
     
    .

    User deleted



    Spiegazione chiarissima ...... ci provo e ti faccio sapere

    Con l'occasione volevo fare i complimenti per l'ottima qualità delle discussioni.
    Il forum è una vera chicca per gli appassionati.

     
    Top
    .
  9. pcollini
     
    .

    User deleted



    Per stivi111
    La corona di carica non si svita mai se non si deve cambiare l'albero di carica(detto anche tiges, dal francese). Inoltre attenzione a dove blocchi il mandrino perchè sul sodo della tiges, cioè quella parte che gira a contatto della platina, si potrebbe creare delle rigature, deleterie per il futuro scivolamento della tiges all'ìnterno della platina. Perciò ti consiglio di usare una pinza piana sulla parte della tiges filettata che non è usata dalla corona. piero
     
    Top
    .
  10. stivi111
     
    .

    User deleted



    E' un'operazione piuttosto difficile: primo tentativo fallito. La tiges si è rotta (forse perchè era deteriorata da precedenti tentativi o perchè nella forzatura la ho piegata; per fortuna era di un orologio irrecuperabile). Nel secondo tentativo la corona è probabilmente bloccata da bloccafiletti o ruggine e non riesco a svitare la corona. Temo che forzando maggiormente si rompa.
     
    Top
    .
  11. orantiqua
     
    .

    User deleted



    CITAZIONE (stivi111 @ 22/9/2004, 10:14)
    E' un'operazione piuttosto difficile: primo tentativo fallito. La tiges si è rotta (forse perchè era deteriorata da precedenti tentativi o perchè nella forzatura la ho piegata; per fortuna era di un orologio irrecuperabile). Nel secondo tentativo la corona è probabilmente bloccata da bloccafiletti o ruggine e non riesco a svitare la corona. Temo che forzando maggiormente si rompa.

    Ma perchè vuoi togliere la corona? forse per sostituirla?
    In questo caso puoi scaldare la corona in modo tale da poterla svitare, ma attenzione la guarnizione ( se c'è) si rovina di sicuro.
     
    Top
    .
  12. stivi111
     
    .

    User deleted



    Desidero smontarla sia per imparare a farlo sia perchè ho notato che in alcuni orologi per estrarre il movimento dalla cassa non è sempre possibile estrarre la tige senza smontare alcune sue parti. Fermo restando che mi è già stato detto in questo forum che la corona non si toglie quasi mai, ritengo che in alcuni casi (per esempio se devo solo lavorare sulle lancette o sul quadrante) sia però più immediato e meno rischioso smontare solo la corona di carica. (gli orologi in questione sono acluni orologi a bassissimo costo con carica automatica che ho acquistato per fare pratica da venditori ambulanti e dei quali non conosco il calibro)
     
    Top
    .
  13. orantiqua
     
    .

    User deleted



    CITAZIONE (stivi111 @ 23/9/2004, 09:53)
    Desidero smontarla sia per imparare a farlo sia perchè ho notato che in alcuni orologi Fermo restando che mi è già stato detto in questo forum che la corona non si toglie quasi mai, ritengo che in alcuni casi (per esempio se devo solo lavorare sulle lancette o sul quadrante) sia però più immediato e meno rischioso smontare solo la corona di carica. (gli orologi in questione sono acluni orologi a bassissimo costo con carica automatica che ho acquistato per fare pratica da venditori ambulanti e dei quali non conosco il calibro)

    per estrarre il movimento dalla cassa non è sempre possibile estrarre la tige senza smontare alcune sue parti.

    Mai sentita bestialità più grande!
    Non esiste orologio che per essere estratto dalla cassa si debba SVITARE o TOGLIERE la corona.

    Forse hai bisogno di un corso accelerato!
     
    Top
    .
  14. stivi111
     
    .

    User deleted



    Si è vero. Di bestialità ne faccio e ne ho fatte parecchie nella mia vita di "distruttore profesionista". Per sfida personale mi piace sezionare qualunque pezzo meccanico, degno di interesse, che mi capita tra le mani, per poi rimontarlo e vederlo ripartire. In tutto questo mi affascina intuire il funzionamento. Ho incominciato da molto giovane con i motori di moto, da grande con quelli di auto, ho proseguito con televisioni, radio, personal computer, cellulari ecc. Ora sono arrivato agli orolgi. Dopo la prima fase di distruzione mi capita di appassionarmi e di proseguire con lo studio (a volte anche in modo approfondito). Ad esempio nella giornata di ieri ho sezionato un orologio dichiarato irerparabile e che sarebbe stato gettato dal proprietario. Oggi sta funzionando e già quando era sotto i ferri aveva dato segni di vita. Non so se riesco a fare caprie la mia soddisfazione. Per saperne di più e non fare le cose casualmente è stata la motivazione dell'iscrizione a questo forum dove hò trovato molte informazioni interessanti. Sono certo che il prossimo passaggio sarà quello di iscrivermi ad un corso.
    Per quanto riguarda la corona sono finalmente riuscito a smontarla. Ora mi stà stuzzicando di aprire il bariletto .....
     
    Top
    .
  15.  
    .
    Avatar

    Eminence of the Forum

    Group
    Member
    Posts
    12,473
    Location
    Treviso

    Status
    Anonymous

    Per aprire il bariletto, prima guarda da che parte si trova il coperchio, poi con un pezzo di legno, (il manico di una spazzola per orologiai per esempio) premi sull'albero del bariletto dalla parte opposta per far uscire il coperchio,DELICATAMENTE altrimenti rischi che assieme al coperchio ti scappi anche la molla e salti per la stanza. A volte il coperchio ha una piccola fessura, dove puoi inserire una lama di un cacciavite e fare leva. Sempre molta attenzione in questa operazione, perchè la molla al'interno, può fare brutti scherzi.


    Per levare albero e corona vedi anche qui: Estrazione corona di carica
    e qui: Sostituzione corona.

    Edited by Renato Z - 2/4/2007, 00:25

    L'Orologiaio deve rendersi degno della stima del pubblico che non può vedere ma deve credere nel suo lavoro. (TV 1925)
    renatoz logoxop2zy7
    "Studia prima la scienza, e poi seguita la pratica nata da essa scienza." (II 54)
    "Quelli che s'innamorano di pratica senza scienza sono come li nocchieri ch'entran in naviglio sanza timone o bussola, che mai hanno certezza dove si vadano. Sempre la pratica debb'esser edificata sopra la bona teorica" (II 80) - Leonardo da Vinci - Libro di pittura
     
    Top
    .
18 replies since 13/9/2004, 12:54
 
.